La Bussola punta a Nord, novembre, RUBRICHE

La città era piena di rumore

Arrivando a Torino ad autunno inoltrato, mi sono subito sentita catapultata nel buio e nel gelo, in un modo che ha poco a che fare con la magia del natale, il presepe, la grotta e le stelle comete. È stato più qualcosa tipo: sei stata rapita e ora ti parcheggiamo in quest’antro sottoterra un po’ umido.

Ma porta pazienza, ti ci abitui subito.

Ed lì che ho capito che “subito” è una dimensione temporale decisamente relativa. Io che ho il metabolismo emotivo di una tartaruga -e non di quelle ninja, altrimenti si andava subito di rotazioni a spirale nell’aria e via che ho conquistato la città nel giro di due pizze- ho impiegato gli anni per modificare geneticamente la mia resistenza all’oscurità e ai reumatismi.

-questa è la favola secondo cui Simonetta si è davvero abituata a questi effetti cromo-climatici-

-la realtà, quella vera vera, meglio lasciarla perdere-

Ma, sì c’è un MA gigantesco:

nel mezzo di questa selva oscura, ho ritrovato un po’ di luce
(e di quella più bizzarra).

Non sto parlando dei semplici lampioni per le strade pubbliche: quelle ci sono disseminate un po’ ovunque, sopra, dentro, fuori, sotto, i portici di tutta la città. Parlo di qualcosa che non avevo mai visto a casa mia e che, anche oggi, non posso dire di aver visto in altre città d’Italia.

Torino ha le luci di Natale più strane.

 

 

Verso novembre-dicembre, come un po’ dappertutto, si comincia ad addobbare gli edifici con robe natalizie. Ci sta, me lo aspettavo. È una mania che persino in Sardegna è arrivata, insieme alla catena Old-Wild-West. Quello che però faceva parte del mio immaginario pre-vigilia comprendeva le seguenti chincaglierie:

1-Babbo natali agganciati alle ringhiere dei palazzi.
2-Lucine rubate alle discoteche e disposte disordinatamente sui terrazzi.
3-Alberelli di plastica con finta neve decorativa.
4-Serpentoni fluo, prestati gentilmente dai travestiti locali.
5-Qualche iper dettagliato presepe in mostra nelle vetrine dei negozi.

A Torino, luogo in cui si ama distinguersi per qualsiasi cosa, persino le luci di natale sono arrivate in modalità alternativa. O meglio, in maniera artistica.

Praticamente, una sera che stavo rientrando a casa, cercando di non pensare al freddo, ho alzato la testa e ho visto degli operai che montavano su due sagome rosse: un uomo e una donna visti di profilo, che finivano per fondersi i cervelli.

Mi son detta: “bon” (sì, avevo già cominciato a pensare come loro), ci sarà una qualche manifestazione strana.

La mattina dopo, uscendo per fare la spesa -o semplicemente perché dovevo fare qualcosa ed ero entrata nella terribile spirale del “sei in una città nuova, devi dimostrare che non hai fatto una cazzata, alza il culo”- mi son ritrovata circondata.

In una via c’erano una sfilza di decorazioni stellari: pianeti, stelline, comete, meteoriti, asteroidi, quello che volete, uno dietro l’altro.
In un’altra c’era una favola che si evolveva lungo tutto l’isolato, frase dopo frase, finché non arrivavi alla fine della strada e non ci avevi capito più niente.
Altrove erano comparsi tanti piccoli pacchettini quadrati, a sbarrare il cielo coi loro colori verdi e rossi.

Torino era piena. Non c’era un posto nel centro che non fosse stato trasformato in un museo di arte contemporanea.

Quella mattina era diventata poi notte e tutte quelle installazioni si erano magicamente accese. Forse è stata la prima volta che non ho camminato per la città, ma ho passeggiato. E cioè non ho solamente percorso un tragitto da A a B col pensiero fisso che fossi un pezzettino di ghiaccio vagante, abbandonato dal calore umano.

Ma ho ammirato qualcosa durante il mio passaggio.

Io non l’ho ancora capito se le amo o le odio ste luci d’artista, come non ho ancora risolto il mio rapporto conflittuale con le attuali forme d’arte.

Però so che una cosa così l’ho vista solo fatta dai Torinesi.

 

 

Diffondi il Verbo

Leave a Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published.