Press ESC to close

aprile, 2024

La pazzia di Orlando

CategorieSPETTACOLO,TEATRO E DANZALa pazzia di OrlandoTeatro Gobetti, Via Gioachino Rossini 8 Torino2024mar09apr All Daydom14

Quando

aprile 9 (Martedì) - 14 (Domenica)

Dove

Teatro Gobetti

Via Gioachino Rossini 8 Torino

Dettagli

La pazzia di Orlando – Teatro Gobetti Torino

Teatro Stabile

9 – 14 APR 2024

ARIOSTO VISTO DA CALVINO

Le cose perse in Terra dove vanno a finire? Orlando perde il senno sulla Luna, luogo della nostra aspirazione e somma di tutte le storie, ne è prigioniero. Cosa rimane? Sempre cercando, Orlando percorre una Terra arida, ormai lunare e trova nei Tarocchi la composizione del suo racconto, in frammenti di poema che s’intrecciano per riacquisire la ragione tra Re e Regine di spade, Cavalieri di bastoni, Carro, Sole e Matto. Da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco, l’incontro di due autori geniali e fantasiosi come Ariosto e Calvino (di cui nel 2023 ricorre il Centenario) diviene terreno fertile per una narrazione suggestiva, dove le occasioni perdute diventano trame simultanee e piene di nuovi sviluppi. Graziano Piazza dirige  lo spettacolo, interpretandolo insieme a Viola Graziosi, Irene Paloma Jona, Nicola Morucci.

da un’idea di Pietrangelo Buttafuoco
liberamente ispirato all’Orlando Furioso di Ariosto
e a testi di Italo Calvino
regia e drammaturgia Graziano Piazza
Teatro Stabile d’Abruzzo, Teatro Stabile Torino – Teatro nazionale

La pazzia di Orlando - Teatro Gobetti Torino

Lo spazio del tempo” è la nuova stagione di spettacoli teatrali 2023/2024 del Teatro Stabile di Torino, che vede spettacoli diffusi su più palcoscenici (ovvero al Teatro Carignano, al Teatro Gobetti e alle Fonderie Limone).

Qui puoi scoprire il programma cartaceo della stagione.

 

Vuoi scoprire gli eventi a Torino mese per mese? Prova qui sotto:

Se vedi ogni tanto qualche strano abracadabra, pagine che si spostano o scompaiono e 404 è perché stiamo sperimentando alcune magie... qui spieghiamo cosa stiamo combinando e la nuova veste grafica!

Giuriamo solennemente di non avere buone intenzioni.