ottobre, 2019

04ott All Day06Euro Mineral Expocolori, varietà e tecnologiaPalaAlpitourCategorie:FESTIVAL E FIERE,HAVE FUNExtra:Lingotto Fiere Tagconsigliati

Espandi

Dettagli

Euro Mineral Expo 2019 al PalaAlpitour di Torino

Dal 4 al 6 ottobre 2019 al PalaAlpitour di Torino torna l’appuntamento con Euro Mineralel Expo, una Mostra Mercato Internazionale di minerali, pietre preziose, fossili, gioielli, accessori, giunta alla 48esima edizione, che ha visto protagonisti oltre 200 espositori da tutto il mondo. Sicuramente un’importante manifestazione, per professionisti, collezionisti ed appassionati del settore.

IL QUARZO: colori, varietà e tecnologia
Una piccola, ma preziosa anteprima sulla bellezza di questo minerale, la si è già avuta nell’esposizione del 2018. In occasione del 48° EUROMINERALEXPO 2019 il quarzo sarà invece il protagonista centrale delle mostre tematiche. Di questo splendido minerale verranno infatti illustrate le principali caratteristiche mineralogiche, la grande varietà di forme e colori con cui si presenta in natura, le associazioni mineralogiche più preziose e caratteristiche, le località che hanno dato gli esemplari più belli e, infine, si darà risalto all’importanza che questo minerale ha assunto nella nostra vita attraverso le sue applicazioni tecnologiche. Una grande esposizione per uno splendido minerale.
 
 
LE COLLEZIONI DI MUSEI E CIRCOLI MINERALOGICI TORINESI
Fin dalla nascita delle prime collezioni naturalistiche private nella prima metà del XVIII secolo, confluite poi nel Museo Accademico dell’Università di Torino voluto dal re Vittorio Amedeo II di Savoia, allestito, verso il 1740, nel Palazzo dell’Università di via Po e divenuto, successivamente, un proto-museo di Storia Naturale, Torino è sempre stato, per motivi storici e culturali, un luogo privilegiato nel settore delle raccolte, pubbliche e private, di natura naturalistica. Non va dimenticato infatti che, sempre verso la metà del 700, vide la luce quella Società Privata Torinese (che diventerà, alcuni decenni dopo, la celebre Accademia delle Scienze di Torino) dotata di un proprio museo naturalistico, in cui confluirono le collezioni private dei vari soci, tutti personaggi di grandissima valenza culturale nel panorama torinese dell’epoca. Unificate da Napoleone, all’inizio del secolo successivo, ed affidate alla cura di Stefano Borson, le sezioni geomineralogiche di entrambi i musei diedero vita a quella che, ancor oggi, costituisce la collezione storica di Scienze della Terra dell’Università di Torino. Altre due grandi collezioni geomineralogiche pubbliche vennero a costituirsi, dopo alterne vicende, a Torino nella seconda metà del XIX secolo, promosse dalla nascita di due prestigiose realtà ottocentesche: la Scuola di Applicazione per Ingegneri ed il Museo Industriale Italiano, le cui collezioni (pur gravemente impoverite dai danni bellici) costituiscono in nucleo originale dell’attuale raccolta geomineralogica storica del Politecnico di Torino (a cui le due citate istituzioni diedero origine nel 1906). La nascita, nel 1980, del Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino promosse infine l’arrivo in città di moltissimo materiale mineralogico e geologico più recente, venendo a costituire le autonome collezioni regionali di rocce e minerali, nell’ambito delle più vaste raccolte di scienze naturali. In tanto fervore naturalistico, dai primi anni 70 del secolo scorso in poi, vennero anche a formarsi a Torino alcune associazioni collezionistiche private che ancor oggi, pur so
pravvivendo a fatica in un clima di mutati interessi culturali, sono presenti nel panorama naturalistico cittadino con le loro collezioni mineralogiche, esposte nelle rispettive sedi.
 
PARCO PALEONTOLOGICO ASTIGIANO
Quest’anno l’Ente Parco Paleontologico Astigiano in occasione della 47° edizione della mostra mercato Euromineralexpo, continua con l’esposizione di alcune recenti acquisizioni del Museo Paleontologico.

 

Oltre alla ricostruzione della mandibola dello squalo gigante megalodonte (richiamando il recente film) e alcuni classici fossili del Pliocene piemontese (5,4 – 2,6 milioni di anni fa), anche una serie di campioni di tracce fossili (Icnofossili) tra i più rappresentativi provenienti dai sedimenti terziari presenti tra il Piemonte e la Liguria.

 

 

Quando

ottobre 4 (Venerdì) - 6 (Domenica)

Dove

PalaAlpitour

Corso Sebastopoli, 123, 10134 Torino