HOT IN TOWN, RUBRICHE

OscarMania: i film premiati in sala a Torino

Home » OscarMania: i film premiati in sala a Torino

Gli Oscar 2017 sono sulla bocca di tutti soprattutto per l’incidente finale riguardante la nomina a miglior film che per errore è stata attribuita a La La Land invece che all’effettivo vincitore Moonlight, per un increscioso scambio di buste.

Come spesso accade, in Italia molti dei film che erano candidati alla statuetta dorata sono usciti poco dopo la cerimonia, altri sono già fuori programmazione da tempo, altri sono solo recentemente comparsi.
Con la proroga della convenzione “Cinema2Day” (che per chi non lo sapesse permette di entrare al cinema a 2 euro ogni secondo mercoledì del mese fino a maggio) e l’uscita nelle sale di questi capolavori, il prossimo mercoledì (che si dà il caso sia anche l’8 marzo, festa della donna) promette grandi soddisfazioni ed eguali calche al botteghino.

Armiamoci quindi: ecco i film vincitori del Premio Oscar e dove vederli:

MANCHESTER BY THE SEA:

Ha trovato grandissimo apprezzamento dal pubblico e vinto l’Oscar come miglior sceneggiatura originale e procurato un premio anche a Casey Affleck come attore in un ruolo protagonista. Il film è tragico e sentito, gli attori magnifici nelle loro parti e il rapporto tra i loro personaggi è autentico, ben strutturato e pieno di realistiche sfumature.

Lo trovate all’Eliseo e al Nazionale, anche se non aderiscono al progetto Cinema2Day.

Viola Davis ha vinto invece quello per migliore attrice in un ruolo da non protagonista, in
BARRIERE:

In questo film intenso, di Denzel Washington, interpreta una moglie e madre tormentata e dalla vita difficile. Lei, come sempre, è immensa e il film ben costruito. Protagoniste le barriere a cui rimanda il titolo: tra generazioni, tra classi sociali, tra coniugi e tra esseri umani.
Potete vederlo al F.lli Marx (anche in lingua originale), anche se non aderisce al progetto.

LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE:

L’ultima fatica di Mel Gibson ha ricevuto due meritati premio per il montaggio, visivo e sonoro. Le incessanti scene di guerra si susseguono infatti vertiginose mentre il protagonista lavora come medico per l’esercito americano. Un film biografico sul primo obiettore di coscienza a ricevere una medaglia d’onore interpretato efficacemente da Andrew Garfield.

È in programmazione al Lux (aderente a Cinema2Day), insieme ad ARRIVAL:

Il film di fantascienza dell’anno, probabilmente, quasi uscito ormai dalle nostre sale dopo un buon successo al botteghino, vede una linguista alle prese con un concetto di linguaggio totalmente nuovo: quello degli alieni. Una battaglia tra linguaggi che si è meritata il premio per gli effetti sonori e che pone molte domande sulla capacità di cogliere il pensiero altrui senza interpretarlo.

IL CLIENTE:

Di Asghar Farhadi, ha vinto il premio per il miglior film straniero, che però non è stato ritirato dal regista in segno di protesta verso il decreto Trump che impedisce ai suoi connazionali di entrare nel paese.
Lo trovate all’Ambrosio (che aderisce al progetto Cinema2Day)

LA LA LAND:

Di lui abbiamo già scritto e si è parlato prima degli Oscar perché detentore del record di nomination alle statuette. Si è effettivamente portato a casa un lauto bottino con il premio per la fotografia, la scenografia, la colonna sonora e la canzone originale e ha procurato il premio ad Emma Stone come miglior attrice in un ruolo protagonista e a Damien Chazelle quello per la regia insieme al record di essere il più giovane in assoluto ad averlo vinto.

Ma abbiamo sentito parlare di lui soprattutto perchè protagonista del qui-pro-quo riguardo al premio come miglior film. Abbiamo tutti sentito, comunque, i sentiti ringraziamenti prima che li avvisassero che c’era stato un errore.

MOONLIGHT
ha infatti vinto il premio come miglior film, miglior sceneggiatura non originale, e per il miglior attore in un ruolo protagonista (Mahershala Ali, che con questo è diventato il primo musulmano a vincere tale titolo).

Diviso in 3 parti, raccolta la travagliata storia di un ragazzino afroamericano e omosessuale che cerca la propria strada nel ghetto di Miami.

Trovate LA LA LAND in programmazione ai F.lli Marx, al Massimo e al Reposi e MOONLIGHT ai F.lli Marx, al Nazionale e al The Space ; in lingua originale al Centrale.
Di questi partecipano al progetto l’Ambrosio, il Reposi, il Massimo e il The Space.

MENZIONE SPECIALE da parte nostra
per Hidden Figures, alias Il Diritto di Contare,

che esce proprio l’8 marzo nei cinema italiani e che ha sfiorato molti Oscar narrando la vera storia (mai narrata) di tre matematiche che collaborarono con la NASA portando sul grande schermo la storia di quelli che non passano alla storia pur influenzandola fortemente: in questo caso 3 donne nere nella Virginia segregazionista degli anni 60. C’è niente di più indicato per la Festa della Donna?

È in sala al The Space, all’UCI Lingotto e all’Ambrosio (aderenti all’iniziativa); ai Due Giardini e in lingua originale al Centrale: non aderiscono all’iniziativa, ma inparticolare il Centrale merita quei pochi euro in più di biglietto per sentire la parlata ghetto delle tre matematiche, senza la quale il film perde di pepe.

Seguiteci su facebook per altri suggerimenti sull’8 marzo!

E buona visione.

Diffondi il Verbo

About the author

Relative Posts

Leave a Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published.