Nomination agli Oscar 2021
aprile, Cinema e Spettacolo, maggio, marzo, TurinHouse

I film degli Oscar 2021: nomination e vincitori

Le nomination agli Oscar 2021 e i film da recuperare

Una lista dei film più interessanti da vedere per le nomination 2021

La cerimonia degli Oscar 2021 quest’anno è stata rimandata al 25 aprile, causa Covid e slittamenti di uscite cinematografiche che manco a dirlo. Sulla cerimonia e sui cambiamenti di quest’anno abbiamo parlato in modo più approfondito proprio QUI, ma oggi vogliamo concentrarci sui film nominati e relativi vincitori (le nomination si sono tenute tra le ore 13 e le ore 14 del 15 marzo) e soprattutto su quelli da vedere assolutamente.

Edizione quest’anno sicuramente anomala, ma comunque con qualche sorpresa, come ogni anno, e per questo motivo ovviamente l’abbiamo seguita assieme (ricordate di seguirci su Instagram per far parte con noi delle follie e dei deliri in zona rossa).

E a proposito di Oscar, leggi la nostra pratica guida alla sopravvivenza alla notte degli Oscar, semplicemente cliccando qui!

Ma parliamo dell’edizione 2021…

Quanto ne sapete su questa nuova edizione? Avete già spulciato i candidati? E avete guardato qualche film? No worries, siamo qui per voi, con una lista breve, semplice e chiara dei film tra i più interessanti candidati agli Oscar di quest’anno e a più statuette!

Iniziamo quindi e andiamo a vedere la lista dei film #turinoiseapproved.

NOMADLAND

Dove vederlo: dal 30 aprile su Star all’interno di Disney+

Il trailer lo troviamo splendido (vogliamo parlare della soundtrack così potente e malinconica? Delle atmosfere, della regia che si riesce ad intravedere? Del rumore delle onde del mare nel silenzio alla fine?). Le recensioni sono spettacolari e la protagonista, Frances McDormand, è da sempre una garanzia (qualcuno ricorda Tre manifesti a Ebbing, Missouri?). La trama sembra essere un viaggio nomade all’interno degli Stati Uniti d’America (e già così siamo conquistati).

Il film ha già vinto il Leone d’Oro a Venezia e il Premio del Pubblico del Toronto Film Festival.

Candidature: Migliore Sceneggiatura non Originale, Miglior Montaggio, Migliore Fotografia, Miglior Attrice Protagonista (Frances McDormand) – vincitore, Miglior Regia (Chloé Zhao) – vincitore e Miglior Film – vincitore.

 

IL PROCESSO AI CHICAGO 7

Dove vederlo: presente nel catalogo Netflix

Il tema razziale e la discriminazione sono prepotenti, così come è prepotente il cast della pellicola che conta, tra gli altri, Eddie Redmayne, Sacha Baron Cohen, Joseph Gordon-Levitt, Yahya Abdul-Mateen II, Michael Keaton, Mark Rylance (e potremmo continuare).

Nel nuovo film di Aaron Sorkin, ingiustizie, libertà e riflessioni sull’America di un tempo e sull’America di oggi si fondono in una trama eccezionale: il processo ai famosi Chicago 7, processo agli attivisti che guidarono di fatto la manifestazione contro la guerra del Vietnam, processo che fu una farsa e un circo mediatico e che mise in luce le falle della giustizia americana.

Trailer alla dinamite, siamo sicuri che il film vi piacerà da morire.

Candidature: Miglior Attore Non Protagonista (Sacha Baron Cohen), Migliore Sceneggiatura Originale, Miglior Montaggio, Migliore Fotografia, Miglior Canzone, Miglior Film.

 

DA 5 BLOODS

Dove vederlo: presente nel catalogo Netflix

Spike Lee colpisce ancora con questo film che di fatto ci racconta di quattro veterani del Vietnam che tornano all’interno della giungla per poter recuperare ciò che resta del loro ex caposquadra e un tesoro. E sarà davvero un film “ricerca”, ma, come sempre, bisognerà avventurarsi profondamente nella pellicola per sapere di cosa.

I critici l’hanno amato, ma non possiamo non pensare che anche in questo film c’è il compianto Chadwick Boseman (lo vedremo in altri film candidati).

Candidature: Miglior Colonna Sonora

 

MANK

Dove vederlo: presente nel catalogo Netflix

Un enorme Gary Oldman (ma quest’uomo sa fare anche qualcosa di mediocre ogni tanto? Forse no) è in questo film Herman Mankiewicz, lo sceneggiatore del cult “Quarto Potere” ingaggiato da Orson Welles. La critica parla già di performance eccezionale, di un personaggio che è di fatto un antieroe capace di conquistare chiunque e di una storia che si confonde tra fiction e realtà (il regista, David Fincher, ha infatti riadattato una vecchia sceneggiatura di suo padre creando però di fatto una storia alternativa ai fatti realmente accaduti).

Il film ha ottenuto ben 10 nomination agli Oscar, un numero imponente.

Candidature: Miglior Attrice Non Protagonista (Amanda Seyfried), Migliori Costumi, Miglior Colonna Sonora, Miglior Sonoro, Miglior Scenografia – vincitore, Migliore Fotografia – vincitore, Miglior Trucco, Miglior Attore Protagonista (Gary Oldman), Miglior Regia, Miglior Film

 

SOUND OF METAL

Dove vederlo: presente nel catalogo Prime Video

Il batterista di una band metal perde improvvisamente l’udito, ma il protagonista di questa notevole pellicola non si rassegna tanto facilmente alla sua nuova condizione. Una bella riflessione su un dramma personale che diventa poi occasione di rinascita di un nuovo sé.

Candidature: Miglior Attore Non Protagonista (Paul Raci), Migliore Sceneggiatura Originale, Miglior Sonoro – vincitore, Miglior Montaggio – vincitore, Miglior Attore Protagonista (Riz Ahmed), Miglior Film

 

PROMISING YOUNG WOMAN

Dove vederlo: in Italia dal 29 aprile (in sala)

Una donna è alla ricerca di vendetta. Un film particolare, intenso, differente, un film di cui si sentiva il bisogno da fin troppo tempo ormai. Potente chiacchierata sulla società odierna e sulla cultura dello stupro, in chiave dark e pulp, colori sgargianti. Insomma, non sappiamo che altro dire se non “guardare il trailer per restarne affascinati“.

Candidature: Migliore Sceneggiatura Originale – vincitore, Miglior Film, Miglior Attrice (Carey Mulligan), Miglior Regista (Emerald Fennell), Miglior Montaggio

 

ONE NIGHT IN MIAMI

Dove vederlo: presente nel catalogo Prime Video

Il tema razziale torna prepotentemente in questo film di Regina King. È la notte del 25 febbraio 1964 e il giovanissimo Cassius Clay diventa il campione dei pesi massimi al Miami Beach Convention Center. Da qui partirà una notte immaginaria in cui 4 personaggi, lo stesso Cassius Clay accompagnato da Malcolm X, Sam Cooke e Jim Brown, si confronteranno su temi importanti e sulle discriminazioni subite.

Il trailer è scoppiettante e conquista fin dalla prima visione.

Candidature: Miglior Attore Non Protagonista (Leslie Odom Jr), Migliore Sceneggiatura Non Originale, Miglior Canzone

 

MINARI

Dove vederlo: dal 26 aprile (in sala)

Tra i cinefili di tutto il mondo si parla sempre di più di questo film che tratta la tematica del sogno americano e del riscatto di una famiglia coreana alle prese con tante difficoltà economiche e con il ricostruire una vita nell’America rurale degli anni ’80.

La colonna sonora del trailer è pazzesca (provare per credere) e le emozioni che il film sembra suscitare sono genuine ed intense. Il film è di fatto ispirato all’infanzia di Lee Isaac Chung, il regista, ed è già vincitore del Golden Globe di quest’anno come Miglior Film Straniero.

Candidature: Miglior Attrice Non Protagonista (Youn Yuh-jung) – vincitore, Miglior Colonna Sonora, Migliore Sceneggiatura Originale, Miglior Attore Protagonista (Steven Yeun), Miglior Regia, Miglior Film

 

PIECES OF A WOMAN

Dove vederlo: presente nel catalogo Netflix

Il film è strepitoso e toccante (vi avvisiamo, è molto toccante, fate in modo di vederlo con il giusto mood). La pellicola racconta delle difficoltà di Martha, interpretata dalla bellissima quanto magistrale Vanessa Kirby (princess Margaret in The Crown), e Sean dopo la perdita del loro bambino durante il parto. Le loro vite vengono sconvolte e cambiano in maniera irrimediabile. Il film è un ritratto sincero di una storia personale e dolorosa, in cui ogni dialogo è calibrato alla perfezione ma soprattutto ogni silenzio lo è altrettanto.

Il parto dura circa 30 minuti, senza tagli, doloroso, in un unico piano sequenza splendido, catturato da una regia lucida e attenta. Successivamente vedremo i famosi “pezzi” della protagonista e i suoi tentativi di rimetterli a posto. Lo staff l’ha letteralmente adorato.

Candidature: Miglior Attrice Protagonista (Vanessa Kirby)

 

THE FATHER

Dove vederlo: attualmente non ci sono notizie certe su una distribuzione in Italia

Anthony Hopkins e la nostra adorata Olivia Colman (La favorita, The Crown, ma noi la amavamo già dai tempi di Broadchurch assieme a David Tennant) sono i protagonisti di questa pellicola che tanto è stata amata dai critici. Hopkins interpreta appunto un uomo, il padre, che con l’avanzare dell’età inizia pian piano a dubitare dei suoi cari e della sua stessa mente.

La Colman interpreta sua figlia, alle prese appunto con la demenza senile di suo padre e con tutte le difficoltà del caso.

Candidature: Migliore Sceneggiatura Non Originale – vincitore, Miglior Scenografia, Miglior Montaggio, Miglior Attore Protagonista (Anthony Hopkins) – vincitore, Miglior Film

 

MA RAINEY’S BLACK BOTTOM

Dove vederlo: presente nel catalogo Netflix

Viola Davis e Chadwick Boseman (alla sua ultima interpretazione prima della sua prematura morte) regalano un film intenso e divertente, ma critico a suo modo. Lei, una cantante blues, lui un trombettista in questo adattamento dell’opera teatrale di August Wilson. Monologhi intensi e situazioni che riflettono sul razzismo e sulla discriminazione razziale in un dipinto realistico e purtroppo triste.

“Vogliono solo la mia voce” dice la Davis anche all’interno del trailer, riferita ai bianchi. Correte a guardarlo e fateci sapere cosa ne pensate.

Candidature: Migliori Costumi – vincitore, Miglior Scenografia, Miglior Trucco – vincitore, Miglior Attrice Protagonista (Viola Davis), Miglior Attore Protagonista (Chadwick Boseman che potrebbe vincere un Oscar postumo, come accadde ad alcuni grandi interpreti, tra cui anche il compianto Heath Ledger)

 

JUDAS AND THE BLACK MESSIAH

Dove vederlo: a noleggio su Chili

Il film si basa su accadimenti reali e racconta le vicende di Fred Hampton, leader delle Pantere Nere, interpretato da Daniel Kaluuya (bravissimo qui come sempre).

Siamo pronti a rimanere affascinati.

Candidature: Miglior Attore Non Protagonista (Daniel Kaluuya) – vincitore, Miglior Attore Non Protagonista (Lakeith Lee Stanfield), Migliore Sceneggiatura Originale, Migliore Fotografia, Miglior Canzone, Miglior Film

 

Da notare, infine, che anche Pinocchio ha ottenuto ben due nomination, per i costumi e per il trucco. Il film animato Soul (bellissimo) si aggiudica l’Oscar come Film d’animazione e per la Colonna Sonora (è possibile vederlo senza costi aggiuntivi con l’abbonamento a Disneyplus).

Ma quali sono i VOSTRI preferiti? Per chi avete tifato? Chi sono i vostri campioni? Scrivetecelo o fatecelo sapere sui social, siamo sempre pronte a parlare di cinema!

Diffondi il Verbo