febbraio, 2018

24feb All Day25Al Cavallino biancoCOMPAGNIA ITALIANA DI OPERETTE VICTOR CARLO VITALE SILVIA SANTOROTeatro AlfieriCategorie:TEATRO E DANZA

Espandi

Dettagli

Frutto di sessant’anni di tradizione teatrale, il teatro stabile privato Torino Spettacoli offre anche quest’anno una rassegna di spettacoli di prim’ordine, con l’obiettivo di diffondere e valorizzare una cultura teatrale attiva, che diventa elemento vivo, capace di superare le frontiere e generare nuovi rapporti sociali, morali e spirituali di fronte alla crisi di identità che vive l’individuo del nostro secolo, a beneficio delle esigenze dell’Uomo contemporaneo

Al Cavallino bianco

musica Ralph Benatzky, Robert Stolz – librettisti H. Muller, E. Charll, R. Gilbert

regia e coreografie Gianfranco Vergoni – direttore musicale M°Maurizio Bogliolo – produzione Compagnia Italiana di Operette La prima esecuzione di questa Operetta ebbe luogo a Berlino (Großes Schauspielhaus), l’8 novembre 1930.

La scena è ambientata a San Wolfango, nel Salzkammergut. La bella vedova Gioseffa, innamorata dell’avvocato Bellati, è proprietaria dell’hotel “Al Cavallino bianco” e continua a licenziare camerieri perché innamorati di lei. Leopoldo, anch’egli cameriere e anch’egli innamorato di lei, deve attendere tempi migliori per poter confessare il suo amore alla bella Gioseffa. Accompagnato dalla figlia Ottilia, arriva nell’hotel il buffo e ricco industriale Pesamenole che, per faccende di lavoro, è in causa con un suo concorrente difeso dall’avvocato Bellati. Leopoldo affitta a Pesamenole la camera occupata normalmente dall’avvocato; si inizia a creare un certo scompiglio, attenuato dall’innamoramento di Bellati per Ottilia che prontamente lo ricambia anche grazie all’aiuto del buon Leopoldo. Ecco giungere nell’hotel anche il professor Hinzelmann con sua figlia Claretta e Sigismondo, figlio del concorrente di Pesamenole. Sigismondo e Claretta, conosciutisi durante il viaggio, si innamorano l’uno dell’altra ma l’avvocato Bellati mette in testa a Pesamenole che Sigismondo sarebbe il marito perfetto per sua figlia Ottilia in modo da fondere la sua azienda con quella del suo rivale in causa e riesce a far impegnare la ragazza con l’obiettivo di chiedere in un secondo momento la sua mano. E’ l’arrivo dell’arciduca, data la stagione della caccia, che complica ancora di più le cose…

Teatro Alfieri – sabato 24 febbraio ore 15.30 e ore 20.45 e domenica 25 febbraio ore 15.30

Quando

febbraio 24 (Sabato) - 25 (Domenica)

Dove

Teatro Alfieri

Piazza Solferino, 4, 10121 Torino